Lievito di riso rosso

Lievito di riso rosso

Il lievito di riso rosso.

Il lievito di riso rosso è un regolatore del colesterolo per quelle persone che ne hanno eccessivamente nel sangue. É un cibo molto usato nella dieta, ricavato dal bollire del riso comunemente usato in cucina con l’uso di un specifico lievito, soprannominato “lievito rosso”. Il riso rosso, viene chiamato cosi a causa del colore preso durante lo spargimento dell’agente fungino o da alcuni alimenti come frutta o verdura rossi o viola. Esso viene usato molto da quelle persone che non tollerano la statina e quindi fanno si che viene sostituito con un altro farmaco. Tuttavia si crede che esso ha una proprietà capace di limitare congestioni e allergie e inoltre consente la salvaguardia dal rischio di varie forme di cancro ed è un efficace aiuto nella conduzione del peso. Inoltre presenta vari elementi importanti: il calcio insieme al magnesio contribuisce a conservare ossa e denti sani e anticipa il pericolo di aumento di artrite e osteoporosi, le fibre che hanno il compito di rinvigorire l’apparato digerente in particolare l’intestino e prevenire malattie a carico del cuore. Poi, un’altra azione positiva e importante che ha il riso rosso sul corpo ,preso in modo giornaliero, è l’abbassamento di una grande percentuale di diabete.

Cos’è e come funziona?

Esso venne già adoperato nell’antichità nella scienza medica cinese, al giorno d’oggi è molto compreso anche nei paesi occidentali, a causa delle grandi virtù per quanto riguarda delle terapie specifiche, che permettono di far scendere il colesterolo direttamente nel sangue con semplicità. La grande partecipazione scientifica ed economica che accerchia il riso rosso è congiunta al metabolismo.
Con l’ebollizione, tale lievito guarnisce il riso unendo delle sostanze chiamate “monacoline”, il quale è stata data una marcata attività di abbassamento del colesterolo. Un altro enzima che svolge questo importante compito sono le statine. Esse vengono utilizzate per curare le malattie legate al cuore e i casi di morte dovuti ad esse e vengono somministrate solo nella periodo complementare appunto della malattia anche perchè se viene data una dose di essa nel periodo primario del malore non ha nessun effetto. Per quanto riguarda la monacolina , quella K ,invece, riproducendo lealmente l’opera farmacologica della lovastatina , è valutata quella più calzante e fondamentale. Essa ha anche la funzione di concedere un composto proteico che avviene nella sintesi delle sostanze chimiche del colesterolo. Gli effetti del riso rosso sono: portare alla norma la percentuale normale del colesterolo sia buono che cattivo e stabilizzare i livelli del zucchero nel sangue.

Lievito di riso rosso: scheda tecnica, ingredienti e dosi.

La confezione di riso rosso è di 500 gm ed è composta da 90 capsule che al loro interno possiedono il coenzima Q10, sale, proteine, grassi saturi e insaturi, carboidrati, ecc. Viene prodotto in uno stabilimento di frutta a guscio e inoltre è un prodotto naturale. Viene presa una compressa al giorno, in qualunque ora della giornata, accompagnata da un bicchiere d’acqua consistente. Il prezzo di essa varia dai 20 euro in su ed è possibile acquistarlo o direttamente in farmacia o indirettamente nei negozi online.

Cosa scegliere tra statine e riso rosso?

Il riso rosso si è manifestato molto più operante rispetto alla assegnazione di porzioni uguali di lovastatina. Questo mostra che i suoi risultati , per quanto riguarda l’abbassamento del colesterolo, rappresentano l’unione di diversi elementi benefici e inoltre non sono attribuiti solo all’influenza della monacolina K. Anche per questo si pensa che possa abbassare il pericolo cardiovascolare mediante effetti : Antinfiammatori e aumento della struttura dei vasi. Diversamente dalle statine farmacologiche , l’uso di concentrati di riso rosso è accettato anche nella creazione di integratori alimentar i, usati nel miglior modo possibile. Non è detto che questi farmaci non possono avere anche degli effetti collaterali. Alcuni di essi sono: miopatia, danni al fegato, rottura del muscolo scheletrico, bruciore alla stomaco e di conseguenza il reflusso, insufficienza renale, ecc. L’utilizzo del riso rosso deve essere obbligatoriamente evitato in gravidanza, quando si allatta e per quanto riguarda i bambini. Cosa molto importante, questo farmaco non deve essere abbinato con altri che possono contenere molecole che possono contrastarsi e favore degli effetti molto dannosi per la salute del paziente.

Esso fa dimagrire?

Il riso è molto usato nelle diete in quanto purifica il corpo e drena con l’espulsione di acqua ,che abbiamo nel corpo, attraverso i reni.
Fa in modo di perdere tanti chili in un solo mese, infatti proprio per questo è frequentemente usate da tutte le persone che vogliono dimagrire o che vogliono togliere i chili in eccesso. Il riso può avere diversi effetti: sia per quegli uomini o donne che hanno molta difficoltà nel defecare, avendo al suo interno ricche fibre che appunto aiutano nel compiere più facilmente quell’azione, sia per quelle persone che vogliono disintossicarsi da elementi cattivi. La dieta del riso deve essere accompagnata, ovviamente o indipendentemente, dall’attività fisica in alcuni giorni della settimana.
Le persone che però adoperano una dieta ricca di ferro o calcio dovrebbero valutare bene la scelta di mangiare questo tipo di alimento.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.