Glucomannano: la guida completa

Glucomannano

Il glucomannano è ritenuto uno dei prodotti più indicati per favorire il dimagrimento e la sua azione viene utilizzata nell’ambito del controllo del peso corporeo. In questo articolo ne analizzeremo tutte le caratteristiche cosicché possiate comprendere cosa renda questo prodotto uno dei migliori presenti nel vasto mercato dei dimagranti.

Glucomannano: cos’è e come funziona?

Il glucomannano è un polisaccaride formato da tante diverse unità di due zuccheri semplici, glucosio e mannosio. Viene estratto dal tubero di Amorphophallus konjac, una pianta caratteristica della zona subtropicale orientale dell’Asia. L’utilizzo principale del glucomannano è quello di lassativo ma sono state provate anche le sue attività ipoglicemizzanti e ipolipidemizzanti che lo rendono un valido aiuto nel dimagrimento. Esso, infatti, una volta ingerito, possiede la capacità di attirare molta acqua, creando una massa soffice e gelatinosa che aumenta il senso di sazietà. A livello pratico, dopo circa 15 minuti dall’assunzione, questa fibra inizia ad espandersi e gonfiarsi per poi raggiungere il proprio massimo a circa un’ora dall’utilizzo e trasmettendo una sensazione di pienezza durante il pasto e per almeno due ore dopo che si è finito di mangiare.

Glucomannano: fa dimagrire?

Le proprietà sazianti di questa fibra sono confermata da diversi studi scientifici e quindi essa può rappresentare un aiuto prezioso da integrare nella propria dieta ipocalorica. Chiaramente non si può prescindere da questo punto, il glucomannano va abbinato ad un regime alimentare ipocalorico e ad una adeguata attività fisica. Gli studi hanno dimostrato che in queste condizioni, il glucomannano migliori l’aderenza dei soggetti alla dieta, favorisca la diminuzione delle concentrazioni di glucosio e lipidi e anche la perdita di peso corporeo. Inoltre, alcuni lavori più recenti, effettuati su pazienti obesi, hanno dimostrato come il glucomannano diminuisca in maniera significativamente il colesterolo LDL, riducendo il rischio di malattia cardiovascolari e abbia anche buoni effetti sui valori della glicemia a digiuno e dell’emoglobina glicosilata, parametri spesso sentori di possibile diabete.

Glucomannano: dosi e indicazioni per l’uso

Il glucomannano viene venduto sotto forma di polvere o compresse contenti estratto secco. Il momento migliore per l’assunzione è circa mezz’ora prima dei pasti, preso assieme per massimizzare l’effetto di riduzione dell’appetito. Importante ricordare che il glucomannano va assunto con un abbondante bicchiere d’acqua, altrimenti si può incorrere in effetti avversi come un aumento della stitichezza. Le capsule di glucomannano sono il metodo più pratico di utilizzare questo integratore. In commercio si trovano diversi prodotti che offrono un numero di capsule diverso e che porta anche alla variazione del prezzo. La dose consigliate è di 6 capsule, in genere ripartite in: una prima di colazione, tre prima di pranzo e due prima di cena. Ovviamente questo schema può anche essere modificato nel caso la cena risulti più abbondante del pranzo o vi si arrivi con più fame.

Glucomannano: opinioni e recensioni

L’acquisto del glucomannano viene, di solito, valutato positivamente. Molte persone comprano il prodotto per usarlo in abbinamento ad una dieta ipocalorica e ad una regolare attività fisica e i benefici vengono notati nel calo dell’appetito e nell’aumento del senso di sazietà. Viene anche evidenziato come l’effetto possa non farsi sentire subito ma dopo qualche giorno di assunzione regolare, e come la dose consigliata possa anche essere diminuita se la sensazione di pienezza fosse troppo profonda o in presenza di una eccessiva funzione come lassativo. Le recensioni negative che il prodotto riceve in alcuni punti vendita online non restituiscono un’opinione oggettiva sul farmaco poiché sono spesso figlie dell’errata convinzione che il solo prendere il glucomannano porterà a dimagrire. Come detto, invece, si tratta di un integratore che può aiutare la perdita di peso ma non si può sostituire ad una dieta ipocalorica e all’attività fisica.

Glucomannano: controindicazioni ed effetti collaterali

L’uso del glucomannano andrebbe evitato in presenza di occlusione intestinale, patologie esofagee e alta sensibilità al principio attivo, con aumento della sua funzione lassativa. Anche durante la gravidanza l’uso è sconsigliabile o, comunque, andrebbe richiesto il parere del medico. Con l’obiettivo di evitare i blocchi intestinali, è importante prendere il glucomannano con abbondante acqua e evitarne l’assunzione prima di andare a dormire. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, si possono presentare sintomi come gonfiore, flatulenza e possibile dolori crampiformi. Rara, invece, è l’insorgenza di diarrea e occlusione intestinale, dovute in genere ad un errato utilizzo del glucomannano, prendendolo prima di coricarsi o in abbinamento ad una dieta povera di liquidi.

Glucomannano: prezzo e dove acquistarlo

Il glucomannano è acquistabile in qualunque farmacia e su molti negozi online. I prezzi variano in base al numero di capsule venduto e alla quantità di glucomannano presente nelle suddette, che può variare di prodotto in prodotto. Nell’ambito della perdita di peso, la soluzione più indicata riguarda l’acquisto di capsule che contengano un’alta quantità di glucomannano, per massimizzarne il più possibile gli effetti. In generale, comunque, il prezzo per una confezione normale, in genere contenente 45 o 60 capsule, si attesta tra i 10 e i 15 euro.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.