Dimagrire post parto: come fare? Quali i cibi da evitare?

Dimagrire post parto: come fare? Quali i cibi da evitare?

Come dimagrire post partum senza diete stringenti

Dimagrire post parto: come fare? Una questione che interessa tutte le donne che hanno avuto da poco una gravidanza. Prima di tutto è fondamentale chiarire che meno kili si acquistano nel corso della gravidanza, più facile sarà ritornare in forma dopo il parto.

Quindi per evitare di dover faticare troppo a tornare in forma è importante non eccedere con il cibo durante i 9 mesi di gravidanza. Sono molte infatti le donne che, perennemente a dieta per mantenere la forma perfetta, vedono la gravidanza come un periodo in cui possono mangiare tutto quello che non si erano mai concesse prima (dolci, fritture, merendine, ecc.).

Ovviamente si tratta di comportamenti che portano la donna a ingrassare tantissimo e che non fanno nemmeno troppo bene non solo alla madre, ma anche al bambino che porta in grembo. Per questo  è importante prendersi cura della propria alimentazione durante la gravidanza, così da acquistare solo i kili necessari, che di solito sono circa 10-13.

Fatta questa premessa, vediamo quali sono alcuni accorgimenti da tenere a mente per dimagrire post parto in breve tempo. Innanzitutto è necessario seguire un’alimentazione sana e ricca di nutrienti, facendo almeno tre pasti al giorno.

Programma dimagrimento post parto: le linee guida da seguire

Altra cosa fondamentale è non saltare mai la colazione, che è infatti il pasto più importante della giornata e consente di arrivare a pranzo senza avere una fame da lupi e, soprattutto senza essere troppo affaticate. Questo vale soprattutto per le madri che allattano al seno.

Per quanto riguarda la dieta da seguire, nei primi mesi successivi alla gravidanza è preferibile non imposi regimi troppo ferrei per evitare che l’organismo subisca troppo. Le madri che allattano inoltre devono seguire un’alimentazione che garantisca al bambino il necessario apporto di sostanze nutritive. Ma vediamo le linee guida da seguire.

  • Non mangiare torte, dolci e biscotti;
  • Limita il consumo di pane e pasta (80 grammi di pasta a giorni alterni sono sufficienti);
  • Aumenta il consumo di proteine a pranzo e cena, soprattutto carni magre come pollo e tacchino;
  • Evita la cioccolata, le bibite gassate e i fast food;
  • Mangia tanta verdura, preferibilmente quella a basso indice glicemico (evita zucca e carote);
  • Bevi molta acqua, tisane e tè senza zucchero;
  • Quando hai fame fuori pasti, o semplicemente hai voglia di fare uno spuntino, mangia della frutta.

Trucchi per dimagrire velocemente post parto

Dimagrire post parto: come fare? Oltre agli accorgimenti sopraindicati è importante ricordare che frazionando i pasti durante la giornata si farà meno fatica ad arrivare ai pasti principali (colazione, pranzo e cena) e quindi sarà più semplice evitare le abbuffate. In questo modo inoltre si evitano i picchi di insulina.

L’insulina è un ormone che viene prodotto dal pancreas quando si mangiano cibi contenenti principalmente amido. Si tratta infatti di un ormone che ha il compito di stoccare l’energia non consumata sotto forma di grassi. Per evitare sbalzi verso l’alto o verso il basso, è consigliabile mangiare spesso e poco. In questo modo l’organismo ottiene il quantitativo di energia necessario per compiere le varie attività quotidiane.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Sofia Favaretto

Nutrizionista Sofia Favaretto

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.