Dimagrire pancia dopo parto: ecco come fare

Dimagrire pancia dopo parto: ecco come fare

Come dimagrire la pancia dopo un parto modificando l’alimentazione

Nelle prime settimane dopo il parto i tessuti e i muscoli della pancia sono ancora rilassati e la pelle appare priva di tono, dando alla pancia un aspetto flaccido. Una situazione che disturba molte neo mamme che vorrebbero ritrovare la forma fisica, ma come dimagrire pancia dopo parto? Quando è possibile iniziare una dieta?

Il parto è un momento importante che porta a un fisiologico aumento di peso. Dimagrire diventa quindi un’esigenza, sia per la propria salute che per il piacere di sentirsi belli e in forma. Ma da dove partire? Quali sono le tecniche più efficaci?

Se la neomamma allatta al seno non è il caso di sottoporsi a diete drastiche nel tentativo di dimagrire pancia dopo parto, l’alimentazione quindi deve esser equilibrata e caratterizzata da cibi poco elaborati e facilmente digeribili.

Tuttavia è possibile seguire alcuni accorgimenti che facilitano la riduzione del gonfiore addominale e aiutano perdere la pancia. Innanzitutto è necessario ridurre il sale, che provoca ritenzione di liquidi, ed evitare cibi e cotture troppo elaborati. È preferibile inoltre consumare la frutta lontano dai pasti al fine di evitare fermentazioni.

Indossare la pancera per dimagrire sulla pancia dopo il parto

Oltre a questi accorgimenti, le neomamme che desiderano far tornare la pancia tonica possono ricorrere alla pancera (utile soprattutto per chi ha subito un taglio cesareo) per aiutare il sistema pelvico-addominale a riacquistare la funzionalità basale.

Durante il periodo gestazionale infatti nell’organismo della madre si verifica una trasformazione morfo-strutturale globale, in particolare per quanto riguarda la muscolatura addominale. Nel giro di pochi mesi infatti i muscoli della pancia devono dilatarsi per consentire l’accrescimento del feto. Per questo è consigliabile indossare la panciera nei primi dieci giorni dopo il parto.

A tal proposito è importante scegliere un modello che sostenga ma senza costringere. La panciera deve quindi essere realizzata in tessuto elastico e dotata di fasce laterali regolabili, in modo che la madre possa registrare le fasce a seconda delle proprie esigenze.

Esercizi per dimagrire la pancia dopo il parto

Trascorse almeno due settimane dal parto, inoltre, si può iniziare a fare allenamento seguendo degli esercizi specifici per tonificare gli addominali. Ma prima di iniziare a lavorare sulla muscolatura addominale è fondamentale verificare che la diastasi dei retti addominali (la separazione dei muscoli addominali che si verifica durante la gravidanza) si sia parzialmente richiusa.

In caso contrario occorre aspettare ancora qualche settimana prima di iniziare la ginnastica. Per ottenere risultati più veloci è consigliabile associare alla ginnastica un’attività fisica moderata ma costante.

Una passeggiata quotidiana di circa 30 minuti sarà sufficiente. Questa potrebbe essere anche un’ottima occasione per portare a spasso il bambino. Passeggiare con la carrozzina al seguito, infatti, migliora la tonicità muscolare e aiuta a dimagrire pancia dopo parto e far smaltire i chili di troppo accumulati nel corso della gravidanza.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulle tecniche più efficaci per dimagrire, rimani connesso con il nostro portale.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Sofia Favaretto

Nutrizionista Sofia Favaretto

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.