Dieta vegetariana: è davvero completa? Quali i rischi e i benefici?

Dieta vegetariana: è davvero completa? Quali i rischi e i benefici?

Differenza tra dieta vegana e vegetariana

Nell’immaginario comune spesso la dieta vegetariana è intesa come un regime alimentare, che semplicemente non prevede l’assunzione di carne e pesce. In realtà però il concetto è molto più complesso, poiché nella categoria del vegetarianesimo si possono distinguere diversi modelli alimentari, tra cui la dieta vegana e quella eco-vegana. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

La dieta vegetariana è un regime alimentare che vieta il consumo di carne e pesce (inclusi molluschi e crostacei). È invece contemplata l’assunzione di alimenti di origine animale come formaggi, latte, uova e  miele.

La dieta vegana invece si differenzia dalla tradizionale dieta vegetariana perché oltre a vietare carne e pesce non contempla nemmeno l’assunzione di derivati animali come uova, latticini e miele. Troviamo poi la dieta eco-vegana che si differenzia da quella vegana perché impone il consumo di alimenti vegetali provenienti esclusivamente da coltivazioni biologiche o bio-dinamiche.

Altre due esenzioni della dieta vegana sono rappresentate dalla dieta crudista e dalla dieta fruttista. Il regime alimentare crudista si basa sul consumo esclusivo di frutta e verdura. Cibi che possono essere assunti crudi o cotti a una temperatura massima di 40°C. La dieta fruttista invece prevede che chi la applica si nutra solo di frutta, semi germogliati e semi oleosi.

I vantaggi di uno stile di vita vegetariano

Ma perché diventare vegetariani? Le motivazioni che possono spingere un soggetto ad adottare la dieta vegetariana sono numerose, da quelle religiose a quelle etiche, passando per motivazioni legate alla salute. In molti infatti sostengono che una dieta priva di carne e pesce abbia effetti positivi per la salute.

È stato dimostrato infatti che se associata ad uno stile di vita salutare, la dieta vegetariana riduce il rischio di diverse malattie legate allo stile di vita moderno, quali: diabete, iperlipidemia, ipertensione e obesità. Pare inoltre la dieta vegetariana contrasti l’insorgenza di alcune forme di cancro tra cui quello al colon e di malattie che attaccano le coronarie.

I rischi legati a un menu vegetariano

Quali sono i rischi legati all’adozione di una dieta vegetariana? Nonostante molti dei suoi sostenitori siano convinti che una dieta vegetariana è in grado di soddisfare da sola il fabbisogno energetico del nostro organismo e garantire il giusto apporto di tutti i principali nutrienti, questo non è sempre vero.

Se da un lato è vero che è possibile soddisfare i bisogni di tutte le sostanze nutritive evitando il ricorso a prodotti animali, ad esempio mangiando molto cavolo e radicchio rosso per garantire una sufficiente presenza di ferro, nella pratica questo risulta molto difficile.

Normalmente infatti una dieta vegetariana comporta problemi relativi alla carenza di ferro, vitamina D, vitamina B12 e proteine, per i quali spesso è necessario fare ricorso a integratori.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Sofia Favaretto

Nutrizionista Sofia Favaretto

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.