Dieta vegetariana

Dieta vegetariana per dimagrire

La dieta vegetariana dimagrante è meno pericolosa per il cuore, per la circolazione, i reni e il diabete di quanto non lo sia una dieta che prevede anche l’assunzione di carne. È quanto emerge da uno studio condotto su 73 mila persone per 6 anni e pubblicato sul Journal of the american medical association. Studio secondo il quale chi non mangia carne ha un rischio di mortalità più basso del 12% rispetto a chi la assume.

Ma in cosa consiste esattamente la dieta vegetariana? Si tratta di un regime alimentare che esclude la carne, ma ammette tutti i tipi di frutta e di verdura, cereali, legumi e altri alimenti utilizzati principalmente nella cucina orientale, di cui il più famoso è senza dubbio la soia.

A differenza di quanto accade nelle dieta vegana, ossia strettamente vegetale, la dieta vegetariana dimagrante prevede l’assunzione di alcuni alimenti di origine animale quali uova e latticini. Cibi che sono molti utili per il nostro organismo poiché forniscono proteine nobili, ossia complete di tutti gli amminoacidi, come quelle del pesce e della carne.

dieta dimagrante vegetariana: i cibi ammessi e quelli da evitare

Se viene seguita con intelligenza, la dieta vegetariana dimagrante rappresenta senza dubbio un regime alimentare molto positivo per il nostro organismo, che si depura dalle tossine accumulate. Non solo: l’intestino si regolarizza, il colesterolo si mantiene al di sotto della soglia di rischio e la pelle appare più luminosa.

Per seguire la dieta vegetariana dimagrante è necessario eliminare dalla propria alimentazione tutti i tipi di carne, il pesce (inclusi molluschi e crostacei), gli insaccati, e i condimenti di origine animale come lo strutto e il burro.

Ammessi invece tutti gli alimenti di origine vegetale, come frutta, verdura, legumi, cereali (ossia pane, pasta, riso, cous cous, ecc.). L’unico condimento ammesso è l’olio, meglio se extravergine di oliva. Sono comunque ammessi anche altri tipi di oli, a patto che siano usati sempre a crudo come condimento e che non si superino mai i tre cucchiai al giorno.

Alimentazione vegetariana: per chi è indicata

La dieta vegetariana dimagrante è un regime alimentare equilibrato e può essere seguita praticamente da chiunque. È particolarmente indicata per chi vuole eliminare qualche kilo di troppo, ma anche per quanti desiderano abbassare il livello di colesterolo nel sangue.

Va tuttavia precisato che la dieta vegetariana non è adatta per i bambini con meno di 14 anni. Carne e pesce sono infatti alimenti essenziali nell’età della crescita perché contengono l’arginina, un amminoacido che stimola l’ipofisi nella produzione l’ormone della crescita.

Sono sempre di più le persone che scelgono una dieta vegetariana sia per questioni etiche, sia per motivi di salute o per dimagrire.

Come diventare vegetariani: i primi passi

Quando si decide di iniziare una dieta vegetariana è necessario considerare diversi aspetti, in primo luogo la gradualità del cambiamento. A livello generale, i nutrizionisti non considerano dannoso il fatto di cambiare abitudini alimentari in maniera non graduale.

Per fare in modo che il corpo non risenta del mutamento è però necessario fare attenzione alla completezza della dieta, cercando per esempio di non farsi mancare principi nutritivi come la vitamina B12 e le proteine.

Proteine: come assumerle quando si eliminano gli alimenti di origine animale

L’apporto proteico rappresenta uno dei principali crucci di chi sceglie una dieta vegetariana e, di conseguenza, l’eliminazione della carne come principale fonte di proteine. Come risolvere la situazione? Cercando di assumere proteine attraverso soia, funghi, ceci.

I ceci in particolare rappresentano anche un’importante fonte di grassi omega 3, lipidi benefici che permettono al corpo di prevenire in maniera efficace patologie a carico dell’apparato cardiovascolare, contrastando l’insorgenza del colesterolo cattivo e preservando l’integrità dei vasi ematici.

Anche i cereali rappresentano un’ottima fonte di proteine e dovrebbero essere assunti soprattutto nelle prime ore del mattino con la colazione, il pasto che fornisce la maggior parte dell’apporto energetico per l’intera giornata.

Diventare vegetariani: come ottimizzare l’assunzione di ferro

Un altro nodo importante della dieta vegetariana riguarda l’assunzione di un oligoelementi come il ferro, fondamentale per il benessere dell’organismo.

A tal proposito è bene ricordare che le principali fonti che permettono di non trascurarlo sono alimenti come il radicchio verde, il prezzemolo, i legumi e i fiori di zucca. Latte, uova e formaggi consentono invece di integrare altri minerali essenziali come zinco e selenio. Su consiglio medico è poi possibile optare per l’assunzione di integratori specifici.

Diventare vegetariani è pericoloso per la salute?

Sono tante anche le persone che si chiedono se la dieta vegetariana sia o meno pericolosa per la salute e se comporti la mancanza di principi nutritivi essenziali. Come già specificato, abbracciare una dieta priva di proteine animali non è pericoloso per la salute, a patto che si presti attenzione costante all’apporto proteico e a quello di vitamina B12, una sostanza che ricopre un ruolo essenziale per quanto riguarda il potenziamento delle difese immunitarie.

Concludiamo ricordando che l’adozione di una dieta latto-ovo-vegetariana, come sottolineato sia dall’Unicef sia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, non comporta dei danni fisici nei bambini, a patto che sia bilanciata e che venga introdotta dopo le prime fasi dello svezzamento.

Altro consiglio pratico utile in questi casi consiste nel farsi seguire da un medico nutrizionista che possa monitorare costantemente la crescita del bambino e il suo piano alimentare.

Dieta vegetariana: post di approfondimento

Proteine del riso

Proteine del riso

Riso: quantità e qualità proteica Quando si fa riferimento alle proteine del riso, il collegamento diretto è al processo incentrato sulla loro estrazione a partire

la dieta del runner vegetariano

La dieta del runner vegetariano

Runner vegetariani, l’allenamento e l’alimentazione Chi pratica la corsa, sia come semplice atleta amatoriale, sia come professionista, sa quanto importante sia impostare un corretto allenamento