Dieta e alimentazione del karateka

Dieta e alimentazione karate

Dieta e alimentazione per karate

Quando si praticano delle discipline sportive, che richiedono un allenamento costante per modellare il corpo e tenerlo sempre pronto a sostenere lo sforzo fisico, per ottenere buoni risultati non è importante curare soltanto i muscoli, ma bisogna essere attenti anche a ciò che si mangia. Una corretta alimentazione infatti, è alla base di qualsiasi sport, perché associata ad essi aiuta a raggiungere gli obiettivi prefissati in minor tempo, ed a reintegrare le energie perse durante la fase di allenamento. Oltre alle regole base che valgono per tutti i tipi di sport e discipline, esistono poi dei piccoli accorgimenti da seguire a seconda dell’allenamento che si va a fare, in modo da focalizzarsi su determinati parti del corpo su cui si vuole aumentare la massima muscolare o l’elasticità. Se per esempio state per intraprendere una disciplina di arti marziali quali il karate, potrete seguire una dieta e alimentazione specifica per il karate, per rendere più completo il vostro allenamento. Per dieta in questo caso non dovete intendere un significato negativo che vi costringe a mangiare meno, ma si tratta di un modo per regolarizzare la vostra alimentazione ed accelerare così il metabolismo.

Gli alimenti adatti a coloro che praticano il karate

Un buon karateka sa che oltre ad allenarsi duramente e costantemente almeno tre volte a settimana per circa due ore, deve anche abituare il corpo ad un’alimentazione sana ed equilibrata, la quale gli consente di finalizzare l’allenamento stesso. Perciò ci sono alcuni alimenti che sono più indicati di altri e dei quali vanno consumate maggiori quantità se si vuole diventare più forti in questa disciplina. Il cibo funziona da carburante per i muscoli e nel caso pratichiate karate, in un’ora di allenamento brucerete circa ottocentosessanta calorie all’ora, per cui per reintegrare le stesse dovrete nutrirvi in modo sufficiente. Il karate è un tipo di sport anaerobico lattacido, il quale prevede un reintegro delle energie perse con un combustibile della tipologia creatin-fosfato e glucidico. Questo vuol dire che se praticate karate avrete bisogno di fare una dieta per circa il sessanta per cento a base di carboidrati, senza però dimenticare il consumo di proteine animali e vegetali per circa il dodici o quindici per cento, ed anche i grassi in quantità dosate. Come per ogni attività è importante che beviate molto, almeno due litri di acqua al giorno, sia durante le ore di allenamento che insieme ai pasti, per far si che il vostro metabolismo si acceleri e lavori correttamente eliminando le scorie. Per quanto riguarda il consumo di carboidrati, gli alimenti da preferire se svolgete un allenamento di karate sono i cereali integrali, che potrete adattare in qualsiasi pasto della giornata a partire dalla colazione che è bene non saltare perché vi dà le calorie per affrontare la giornata al meglio. Potete fare colazione ad esempio con dei cornflakes integrali insieme ad una tazza di latte, mentre mangiare dei crackers come spuntino. A pranzo o cena invece per integrare l’alimentazione con dei cereali, potrete mangiare del riso sia in bianco che con poco condimento. I carboidrati sono molto importanti perché rilasciano nell’organismo gli zuccheri, utili come combustibili per le attività sportive. Altro alimento importante per il karateka è la frutta secca, perché serve a nutrire e definire meglio la massa muscolare. In questo caso però non dovete esagerare con nocciole secche, poiché quest’ultime posseggono molti grassi saturi. Dalla frutta secca potrete ricavare pure le proteine vegetali e le fibre in generale, molto utili negli sport dove è necessario il contatto fisico. Non dimenticate di mangiare anche i latticini, come latte magro, formaggi e yogurt, dai quali potrete ricavare vitamina D e calcio.

Dieta e alimentazione per karate: seguire il giusto regime alimentare

Nonostante chi pratica karate debba seguire un regime alimentare piuttosto controllato, è necessario comunque tener presente che una dieta ferrea non è consigliabile per un lungo periodo, mentre è preferibile adottare un piano alimentare sano ed equilibrato in modo tale da imparare a mangiare correttamente. Innanzitutto in un regime alimentare corretto è bene integrare tanti alimenti ricchi di vitamine e sali minerali come ad esempio frutta (fresca e secca), verdure crude e cotte, ortaggi, legumi e tanti alimenti ricchi di fibre che aiutano anche il transito intestinale. Sono invece da evitare gli alimenti ricchi di grassi e zuccheri come ad esempio i dolciumi e le bevande gassate o alcoliche. Oltre all’acqua invece è opportuno integrare anche bevande che stimolano la diuresi: sono da preferire quindi te, tisane e infusi. È bene comunque ricordare che le diete fai da te non sono mai la soluzione giusta ma è meglio rivolgersi ad un medico o un nutrizionista che possa valutare attentamente la vostra condizione fisica e possa darvi un piano alimentare adatto al vostro fisico. L’alimentazione inoltre deve essere correlata al tipo di fisico: una persona normopeso dovrà seguire un tipo di alimentazione differente rispetto ad un’altra che ha bisogno di perdere dei chili di troppo.

Alimentazione per karate: le ricette più adatte per chi fa questo sport

Seguire un regime alimentare specifico non significa mangiare in modo triste e povero anzi, ci sono delle ricette davvero golose che possono essere consumate da chi pratica karate. Un piatto invitante che può essere preparata in poco tempo e in modo molto semplice è la pasta con la verdura. Si tratta di un piatto che può essere modificato a seconda dei gusti ma che riesce ad integrare la giusta quantità di carboidrati, proteine e grassi buoni. Un esempio può essere la pasta con le zucchine, una pietanza estremamente gustosa, veloce da realizzare e caratterizzata da ingredienti facilmente reperibili ed economici. Per un’alimentazione ottimale è consigliabile preferire la pasta integrale, ricca di fibre e molto più saporita della pasta tradizionale. Come secondo piatto invece è possibile cucinare del pesce fresco abbinato ad un contorno di verdure cotte o crude, preferibilmente a foglia verde come la lattuga. Chi ama la carne può mangiare quella bianca senza esagerare con le quantità.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.