Dieta per dissenteria

Dieta per dissenteria

La dissenteria è un male che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Questa condizione malevola può arrecare seri danni a coloro che ne soffrono. A volte poi, può sembrare che non ci siano cure adeguate per la dissenteria ed il dolore può aumentare fino a diventare insopportabile. Tuttavia, grazie ad una precisa dieta, effettuata con precisione ordine, è possibile riuscire a combattere gli spiacevoli effetti della dissenteria. Prima di scoprire la dieta per dissenteria utile a scacciare questa sfortunata condizione, occorre però analizzare cos’è la dissenteria, quali sono le cause di tale disturbo fisico e quali sono invece i sintomi che vi permettono di comprendere se soffrite di dissenteria o no.

Cos’è la dissenteria?

La dissenteria è un disturbo fisico che può presentare innumerevoli problemi. Inoltre, questo disturbo può durare per alcuni giorni e provocare dolori fastidiosi e sconcertanti. Nel dettaglio, quando si parla di dissenteria si intende un’infiammazione pericolosa dell’intestino. L’organo del corpo umano si irrita provocando dolenzie e spasmi che terminano con ripetuta diarrea. L’infiammazione dell’intestino può estendersi anche in altri parti del corpo, creando gravi danni. In particolare, l’infiammazione, anzi in questo caso l’infestazione può colpire l’apparato digerente, provocando fastidi allo stomaco o al retto. La dissenteria è un male da non prendere sottogamba. In alcuni paesi poveri, questa malattia è vittima di morte addirittura. Dunque, nel caso in cui i dolori non dovessero attenuarsi, dovete assolutamente ricorrere all’ospedale più vicino alla vostra posizione e richiedere un trattamento adeguato.

Dissenteria: quali sono le cause di tale disturbo?

La dissenteria può originare da diversi fattori. Spesso e volentieri, la dissenteria è causata da un’infezione batterica che si espande in tutto il corpo. L’infezione può essere causata da virus o da cibo ingerito di scarsa qualità e pessimo stato. In alcuni casi, è possibile contrarre questo spiacevole male a causa di determinati vermi parassiti, che infestano l’intestino e provocano dolori assurdi. Ci sono anche altre cause che provocano la dissenteria oppure alcuni dei suoi sintomi. Questo disturbo può essere ravvivato anche da intolleranze alimentari oppure da inquinamento alimentare. In particolare, se soffrite di intolleranze al lattosio oppure al glutine dovete prestare il doppio dell’attenzione a ciò che ingerite e su tutto ciò che mangiate. Inoltre, anche altre malattie croniche del colon, se non curate con i giusti trattamenti possono peggiorare e causare la dissenteria. Riassumendo in una panoramica generale comunque occorre sempre prestare attenzione prima di comprendere quali siano le cause che hanno portato all’inizio dell’infestazione o irritazione.

Quali sono i sintomi della dissenteria?

I sintomi della dissenteria sono diversi e possono essere duraturi e dolorosi. In primo luogo, potete notare come i sintomi della dissenteria siano molto simili a quelli della diarrea cronica. Questo comporta un costante bisogno di evacuare le proprie feci, con quest’ultime che spesso si presentano in forma liquida. Talvolta, le feci possono contenere sangue e muco. Se l’eccesso di sangue aumenta, dovete recarvi assolutamente all’ospedale senza alcun indugio; le cause di questo fenomeno potrebbero essere dovute ad ulteriori complicazioni ed è necessario eseguire ulteriori aggiornamenti. Comunque, alcuni sintomi e risvolti dell’irritazione possono prendere delle pieghe assolutamente negative. Infatti, nei casi più gravi si può arrivare addirittura a stati di shock oppure di delirio. Inoltre, la dissenteria spesso può causare anche febbre e perdita delle proprie forze. A ciò si aggiunge anche una massiccia carenza di sali minerali. Nel complesso, è possibile in caso di dissenteria che vi sentiate senza forze nè stato d’animo positivo per affrontare le prove di tutti i giorni. Ad una buona dieta, che di seguito potrete controllare, è necessario che abbiniate anche molte ore di riposo, affinché il corpo umano possa superare il momento di difficoltà.

Quale dieta seguire per curare ed alleviare i dolori della dissenteria?

Come appena accennato in precedenza, quindi, oltre ad un buon riposo è possibile curare la dissenteria abbinando una dieta per dissenteria adeguata e giusta. Seguendo la dieta in modo preciso, potrete godere di enormi benefici e combattere alcuni dei sintomi più dolorosi che il disturbo può portare. Tuttavia, occorre sempre prestare attenzioni alle dosi della dieta ed a quanti pasti effettuare durante il giorno. In effetti, la dieta per dissenteria deve essere regolata anche in base alla frequenza di vomito che si manifesta nel malato. Se la frequenza risulta essere molto alta, allora occorre regolare le dosi e ridurre all’occorrenza qualche pasto. Prima di procedere alla dieta comune, occorre fare alcune specifiche:

  • Per i celiaci: i celiaci devono assolutamente evitare qualsiasi tipo di glutine, avendo un grado di attenzione superiore al normale. Prestate attenzione massima ai cereali che ingerite eliminando quelli che contengono glutine come ad esempio il farro, il frumento oppure l’avena e l’orzo. A questi dovete sostituire altri cereali, come ad esempio Mais, Riso Quinoa e grano saraceno. All’occorrenza, nella propria dieta possono essere integrati anche vari legumi, come fagioli e lenticchie.
  • Per gli intolleranti al lattosio: il lattosio deve essere completamente eliminato dalla propria dieta. L’assunzione di cibi contenente questo elemento potrebbe peggiorare l’infezione e portarla a livelli critici. Dunque, dovete evitare il latte, gli yogurt ed i derivati del latte, alimenti come mozzarella, ricotta, provola e simili. Da evitare anche qualsiasi tipologia di formaggi. Al posto di tali alimenti, è possibile fare uso di duplicati simili ma dalle caratteristiche diverse, come ad esempio il latte di soia ed i derivati di quest’ultimo alimento.

Se soffrite da dissenteria, dovete soprattutto rimuovere alcuni alimenti dalla vostra dieta. Inoltre, è consigliabile eliminare anche integratori inutili oppure lassativi o farmaci non necessari. All’interno dei farmaci infatti, potrebbero esserci elementi che amplificano i sintomi di diarrea e potrebbero portare a conseguenze disastrose per il proprio organismo. Le altre rimozioni da fare sono:

  • Alcolici e bevande gassate: gli alcolici infiammano alcuni organi del’apparato digerente come lo stomaco. Quindi, occorre che eliminiate del tutto gli alcolici durante il periodo di malattia. È opportuno eliminare anche le bevande gassate e quelle contenenti caffeina oppure teina. Quest’ultimi due elementi sono irritanti nei confronti dell’instestino e possono amplificare l’infezione.
  • Cibi piccanti: qualsiasi cibo oppure alimento contenente molecole piccanti deve essere eliminato tassativamente dalla propria dieta. Questo perché le molecole piccanti irritano l’intestino e possono provocare dolori alla pancia, che vengono accentuati da chi soffre di dissenteria. Dite addio quindi a salse piccanti oppure peperoncini.
  • Spezie esotiche: nel circolo degli alimenti proibiti per chi soffre di dissenteria, rientrano anche le spezie esotiche. Aglio, Cipolla, Paprika e Zenzero possiedono elementi che possono scatenare reazioni irritanti all’interno del proprio intestino. Rimuoverle porta solo a benefici.
  • Fibre: eliminazione delle fibre, che porterebbero ad una certa “pesantezza” di stomaco e potrebbero rendere ancora più difficile la fase digestiva.

Cosa occorre mangiare quindi? Ebbene, se avete contratto la dissenteria dovete fare utilizzo di frutta e verdura. In particolare, le verdure favoriscono l’assorbimento di batteri ed agenti contaminanti presenti all’interno dell’intestino. Occorre poi che siate sempre ben idratati e che vi rafforziate dal punto di vista dei sali minerali. Se potete, aggiungete anche alimenti come i limoni oppure le patate. Tali cibi possiedono proprietà astringenti che vi garantiranno benefici eccezionali che combatteranno gli effetti negativi della dissenteria. Infine, ma non per ordine di importanza, è consigliato che assumiate alimenti probiotici come il tofu, il latte fermentato, i crauti ed il miso. Con questa dieta, sarà possibile per voi combattere gli effetti della dissenteria!

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.