Dieta contro l’acne

Dieta contro acne brufoli

Esiste una dieta contro l’acne? Non una, ma più di una. Prima però di presentarvene i capisaldi, è opportuno a nostro giudizio evidenziarvi il disturbo fisico, i suoi sintomi e le sue cause.

Cos’è l’acne? Quali sono i suoi sintomi?

Nota come acne volgare, può essere definita come una dermatosi multifattoriale che infiamma le ghiandole pilosebacee con fistolizzazioni, cisti ripiene di pus, comedoni, pustole e papule. Foruncoli e brufoli, in quanto infiammazione dei follicoli piliferi, sono la manifestazione di acne più diffusa, nonché i principali sintomi, specie nel momento in cui si presentano sotto forma di protuberanza decisamente arrossata e contenente un infiltrato, duro nelle forme e doloroso se premuto, attorno alla parte centrale che, a sua volta, contiene tessuto necrotico. In linea di massima, con il passare del tempo, i brufoli possono presentare dimensioni più grandi per via dell’eccessiva formazione di pus.

Quali sono le cause dell’acne?

Gli eccessi a tavola, il non bere abbastanza acqua, il forte stress, l’utilizzo sbagliato dei cosmetici e la predisposizioni genetiche sono di sicuro le cause primarie dell’acne e dei brufoli sulla pelle. Viso, schiena, spalle e dorso, in linea di massima, sono le aree maggiormente colpite da questo disturbo cronico cutaneo che si manifesta non solo in età giovanile, ma anche in quella adulta. Le eruzioni cutanee, spesso, sono notevole causa di disagio psicologico per chi ne soffre.

In riferimento ai fattori che determinano la presenza di acne, ve ne sono alcuni su cui risulta impossibile agire, mentre altri possono essere più o meno monitorati. A questa seconda categoria appartiene di sicuro il cibo. Per arginare le eruzioni cutanee si può iniziare proprio dall’alimentazione, dato che vi sono cibi e ingredienti amici e nemici nella prevenzione di questa malattia cronica della pelle, dall’evoluzione benigna.

Quale tipo di cottura preferire in una dieta contro l’acne?

La risposta è quella a vapore. Come mai? Di tutte le opzioni, trattasi di quella in grado di conservare meglio i nutrienti di ogni cibo, impedendo che si formino sostanze tossiche. E’ tuttavia scelta saggia preferire pasti sani, genuini ed equilibrati, contenenti per il 75% alimenti alcalini, ricchi di acqua, come frutta, verdura e legumi, e per il restante 25% gli alimenti acidi, perlopiù secchi, come odori, cereali, parmigiano e pane. Una dieta contro l’acne per riuscire nel suo intento primario che verte tutto al miglioramento della salute della pelle deve essere strutturata secondo la regola dei 4 quarti. I piatti devono infatti contenere ¼ di proteine, ¼ di frutta, ¼ di verdure cotte e ¼ di verdure crude.

Ogni dieta anti acne è personale

Dato che l’organismo di ogni individuo è diverso, la dieta anti acne deve essere sempre calibrata in relazione alle necessità personali e dietro la supervisione di un dietologo di fiducia. Solo questa figura, infatti, può farvi sperimentare il regime alimentare che fa al caso vostro, considerando anche possibili intolleranze ed allergie.

Dieta contro l’acne: quali alimenti privilegiare?

In una dieta contro l’acne, è opportuno in linea di massima privilegiare l’assunzione di prodotti alimentari sani, genuini e freschi, contenenti pochi zuccheri e con un indice glicemico relativamente basso. Il consumo di cibi fatti in casa si rivela spesso mossa decisiva per contrastare il problema. Le tribù dell’Africa Meridionale e gli eschimesi dell’Alaska, non essendo abituate né a cucinare cibi lavorati, né tanto meno a mangiare alimenti raffinati, non devono affrontare la comparsa di brufoli e foruncoli. Sotto certi aspetti, dire che la dieta mediterranea è la migliore nella prevenzione dell’acne è tutto fuorché un’iperbole.

Tra gli alimenti da privilegiare, citiamo le suddette categorie:

  • Frutta e verdura: il suggerimento di seguire in maniera ligia una dieta naturale è sempre valido. Trattasi di un vero e proprio mantra, in quanto vuol dire garantire all’organismo il giusto apporto di vitamine, di sali minerali, di antiossidanti e di fibre. Pomodori, carote, fragole, albicocche, meloni apportano sostanziali benefici alla salute dell’epidermide.
  • Cibi ad alto contenuto di zinco: grano, sesamo, fagioli, piselli, noci, soia, cereali non fortificati, sedano, tuorlo d’uovo, pollame, crostacei sono gli alimenti, dove la concentrazione di zinco risulta piuttosto alta. Di conseguenza, le proprietà antiinfiammatorie del suddetto minerale non fanno altro che inibire tutti quei batteri che sono la causa primaria dell’acne.
  • Cibi probiotici: yogurt, crauti e kefir, se assunti con regolarità, regolarizzano l’attività intestinale, diminuendo le infiammazioni. E la pelle non può che beneficiarne.
  • Cibi contenenti Omega 3: a fronte di comparsa costante dei tipici segni dell’acne, è opportuno ridurre al minimo il consumo di alimenti contenenti Omega 6, in favore di quelli con Omega 3. Su tutti, sardine, salmone, cozze, sgombro e gamberetti sono quelli che presentano maggiore percentuale di questi acidi grassi, contraddistinti da un’azione disinfiammante. Assumere pesce tra le due e le tre volte a settimana, limita il sorgere dell’acne. Tra li altri cibi contenenti Omega 3, vale la pena menzionare i semi di chia, di girasole, di ribes nero, di lino e di zucca. Questi ultimi possono andare ad integrare la classica insalata, uno yogurt o ancora un frullato.
  • Olio extravergine d’oliva: il ruolo della vitamina E contenuta in quest’olio è fondamentale per contrastare la presenza di tutte quelle impurità della pelle. Nei condimenti di insalate e verdure, risulta quasi imprescindibile.

L’assunzione di acqua e di tè verde: essenziale nel miglioramento dello stato di salute della pelle

Bere quotidianamente come minimo un numero di bicchieri d’acqua pari a 7 è di vitale importanza per depurare la pelle e l’organismo dalla presenza di tutte quelle tossine in eccesso che contribuiscono in maniera inevitabile al manifestarsi di quelle imperfezioni della pelle. Bere quindi 2 litri d’acqua ogni giorno aiuta a rendere la pelle più luminosa. Sulla base di questa logica, anche l’assunzione di tè verde, almeno 5 volte a settimana, aiuta a ridurre la comparsa dei segni dell’acne. Un vero e proprio toccasana per la pelle e per il suo benessere.

Alcuni suggerimenti per una dieta contro l’acne

Consumare i pasti lentamente, assimilando il cibo, fare spuntini sani tra colazione e pranzo e tra pranzo e cento al fine di ridurre gli stimoli della fame, optare per il ricorso agli integratori o rimedi naturali, prestare attenzione all’etichetta sulle confezioni degli alimenti sono accorgimenti da tenere in considerazione per avere una pelle più bella.

Quali cibi evitare?

In una dieta contro l’acne, è opportuno eliminare, per quanto possibile, tutti i cibi industriali e gli alimenti eccessivamente lavorati. Il motivo di questa scelta? La forte concentrazione di grassi insaturi si rivela assai nociva per la salute.

  • Zucchero: trattasi del nemico numero uno della pelle, nonché tra le cause primarie dell’acne.
  • Creme spalmabili: gli ingredienti sono ad alto indice glicemico e il prodotto finale contiene zuccheri, grassi saturi e olio di palma.
  • Cioccolato: se non è amaro, vuol dire che la percentuale di cacao non è alta. Ergo, c’è il rischio che il palato si abitui e si esageri nel consumo di tavolette.
  • Latticini: sono veri e propri contenitori di Omega 6. Agendo sull’insulina e sul testosterone contribuiscono in maniera determinante alla formazione di foruncoli. Consumarli è opportuno, essendo fonti di calcio. Ma non esagerate.

Un’alimentazione non sana, tutta incentrata su pasti veloci nei fast-food e su bibite gassate o su cene nella paninoteca o nel negozio di kebab sotto casa o ancora sulla forte concentrazione di fritti, grassi e zuccheri incidono negativamente sullo stato di salute della pelle che, notoriamente, risente dell’assunzione di pietanze non particolarmente genuine. Il risultato finale è che c’è il rischio di andare incontro ad un’eccessiva stimolazione degli ormoni e allo sbalzo dei livelli di zucchero nel sangue.

Capitolo a parte lo merita il sale. In ogni portata ne basta un pizzico. Mai esagerare! Idem per le bevande alcoliche.

Conclusioni

Una dieta sana ed equilibrata si rivela estremamente utile nel combattere la comparsa dell’acne. Tuttavia, anche altri fattori si rivelano determinanti nell’evitare la formazione di foruncoli. Su tutti, uno stile di vita equilibrato, l’assenza di stress, l’ambiente non inquinato, l’attività fisica costante ed il giusto riposo durante le ore notturne.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.