Calorie ricotta

Calorie ricotta

Solitamente viene considerata un formaggio, ma in realtà si dovrebbe definire come un latticino. Parliamo della ricotta. Ma come si arriva ad ottenere la ricotta? Si tratta di un processo che prevede un nuovo utilizzo del siero da latte proveniente dalle lavorazioni precedenti di formaggio. Anche la parola ricotta deriva dal termine latino re-coctus che significa cotto una seconda volta. Non è infatti dalla cagliata originaria che si ottiene questo prodotto, ma soltanto al termine di una lunga e rigorosa serie di operazioni.

Ricotta: calorie, valori nutrizionali e composizione chimica

Per conoscere le proprietà della ricotta è necessario conoscere l’origine del siero di latte con cui è stata prodotta. In linea generale si può comunque dire che la ricotta di origine vaccina è più magra rispetto a quella di pecora che, a sua volta, è meno grassa di quella di bufala. Il suo apporto calorico varia tra le 130 e le 240 calorie per una porzione di 100 grammi. Il contenuto di grassi è ridotto, mentre risulta elevato l’apporto di proteine. In particolare il cosiddetto valore biologico superiore a 90 è più alto di quello di altri formaggi o della carne. È molto alta anche la percentuale di assimilazione delle proteine. Nella ricotta è alta la presenza di amminoacidi essenziali come treonina, leucina e valina, in grado di fornire materiali strutturali all’organismo. La ricotta è un elemento importante all’interno delle diete ipocaloriche e per quelle che prevedono un incremento della massa magra. Il suo consumo è sconsigliato soltanto alle persone che sono intolleranti al lattosio.

Composizione chimicavalore per 100gRDA (%)
Parte edibile100%
Acqua75,70g
Carboidrati disponibili3,50g
Carboidrati complessi0
Zuccheri solubili3,50g
Proteine8,80g
Grassi (Lipidi)10,90g
Saturi totali6,82g
Monoinsaturi totali2,76g
Polinsaturi totali0,39g
Colesterolo57mg
Fibra totale0
Fibra solubile0
Fibra insolubile0
Alcol (g)0
Sodio78mg
 5.20% RDA
Potassio119mg
 2.53% RDA
Ferro0,40mg
 5% RDA
Calcio295mg
 29.50% RDA
Fosforo237mg
 33.86% RDA
Magnesio17mg
 4.05% RDA
Zinco0,50mg
 4.55% RDA
Rame0,02mg
 2% RDA
Selenio3,90µg
 7.09% RDA
Tiamina (Vit. B1)ND
Riboflavina (Vit. B2)ND
Niacina (Vit. B3 o PP)ND
Vitamina A retinolo eq.128µg
 14.22% RDA
Vitamina C0mg
 0% RDA
Vitamina E0,21mg
 1.40% RDA
Vitamina B6ND
Vitamina B12ND
ManganeseND

Come si prepara la ricotta

Ecco come si procede: si parte dal riscaldamento del siero di latte che deve essere portato ad una temperatura compresa tra i 75 e i 95 gradi centigradi (a seconda della sua origine). In questo modo si avvia la coagulazione delle proteine contenute nel latte con la successiva formazione di fiocchi bianchi contenenti lattosio, sali minerali e grassi. Questi fiocchi sono poi posizionati all’interno dei tradizionali cestelli dove vengono fatti sgocciolare e riposare per circa 24 ore. È in questa fase che assumono la tradizionale forma le ricotte. Esistono diverse tipologie di ricotte a partire anche dal tipo di siero che viene utilizzato. Oggi in commercio si trovano latticini derivanti da latte di vacca, di pecora, di capra o di bufala. La ricotta può essere consumata fresca, oppure stagionata, essiccata o affumicata. In ogni regione d’Italia si trovano diverse tipologie di ricotta spesso legate a tradizioni e usi del territorio.

Esempi di ricette a base di ricotta

In cucina la ricotta viene utilizzata in tantissimi modi diversi, sia per ricette salate che per dolci. La sua versatilità la rende un ingrediente utilissimo e adatto a molte preparazioni. Se parliamo di piatti salati possiamo pensare all’utilizzo che ne viene fatto sui primi di pasta con il pomodoro: una grattugiata di ricotta salata risulta eccezionale. Spesso viene usata come ripieno per i tortellini o come accompagnamento di insalate. Se invece parliamo di dolci è sufficiente citare delle prelibatezze come la cassata, il cannolo o la pastiera per capire quanto sia importante e quanto possa essere utile alla cucina italiana una ricotta di qualità. In questi casi, infatti la pasticceria tradizionale della Sicilia e della Campania hanno sfruttato la naturale dolcezza della ricotta per ab

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.