Calorie Mozzarella

Calorie contenute nella mozzarella

Calorie mozzarella, valori nutrizionali e composizione chimica

Che le mozzarelle rientrino tra gli alimenti prediletti non solo di adulti, ma anche di bambini non appare certo essere una grossa novità. La cosa più importante che bisogna tener presente è che non si tratta certo di un pasto dietetico, soprattutto se consumato con una certa regolarità. Le due tipologie di mozzarelle più diffuse in Italia sono sicuramente quelle di bufala e quelle di latte vaccino. Le prime hanno un apporto calorico decisamente più alto e che non è certo trascurabile per quel che riguarda la linea. Si tratta di un prodotto tipico di alcune zone del Sud Italia e 100 grammi portano un apporto energetico di 288 kcal, non certo poco. I grassi presenti al suo interno non sono certo ridotti se si pensa che essi arrivano ad una percentuale del 24,4%. Diverso il discorso per le proteine che agiscono sulla muscolatura, sulle mucose e anche sulle ossa: la loro percentuale all’interno della mozzarella di bufala è di 16,7%. Decisamente minore il numero di calorie inerente le mozzarelle di latte vaccino: 100 grammi apportano 253 kcal con una ridotta percentuale di grassi rispetto a quelle di bufala.

Composizione chimicavalore per 100gRDA (%)
Parte edibile100%
Acqua58,80g
Carboidrati disponibili0,70g
Carboidrati complessi0
Zuccheri solubili0,70g
Proteine18,70g
Grassi (Lipidi)19,50g
Saturi totali
Monoinsaturi totali
Polinsaturi totali
Colesterolo46mg
Fibra totale0
Fibra solubile0
Fibra insolubile0
Alcol (g)0
Sodio200mg
 13.33% RDA
Potassio145mg
 3.09% RDA
Ferro0,40mg
 5% RDA
Calcio350mg
 35% RDA
Fosforo350mg
 50% RDA
Magnesio10mg
 2.38% RDA
Zinco2,60mg
 23.64% RDA
RameND
Selenio2,50µg
 4.55% RDA
Tiamina (Vit. B1)0,03mg
 2.50% RDA
Riboflavina (Vit. B2)0,27mg
 20.77% RDA
Niacina (Vit. B3 o PP)0,40mg
 2.50% RDA
Vitamina A retinolo eq.219µg
 24.33% RDA
Vitamina C0mg
 0% RDA
Vitamina E0,39mg
 2.60% RDA
Vitamina B6ND
Vitamina B12ND
ManganeseND

Altri elementi da tenere in considerazione

Quando si parla di fabbisogno energetico degli alimenti si fa riferimento ad un parametro non certo trascurabile. Ecco perché è giusto evidenziare che sia le mozzarelle di bufala che quelle vaccine, pur avendo un apporto calorico notevole, possono far bene all’organismo se consumate nel modo giusto. Quelle di bufala hanno un ridotto quantitativo di colesterolo che quindi non va a creare particolari problemi, mentre calcio e fosforo vengono assunti in maniera sufficiente da parte di chi si nutre di questo alimento. Senza dimenticare le vitamine del gruppo B, utili sia per il sistema nervoso che per quello immunitario e che si trovano in queste mozzarelle. Passando invece alle mozzarelle di latte vaccino, esse sono importanti per quanto riguarda l’apporto di calcio e fosforo: basti pensare che una dose di 100 grammi equivale a quasi il 45% del fabbisogno giornaliero di questi due minerali.

La mozzarella e la dieta mediterranea

Indubbiamente la mozzarella rientra tra quelli che sono gli alimenti principali della dieta mediterranea. Anch’essa, come gli altri tipi di formaggi, permette di avere un buon apporto non solo di proteine, ma anche di minerali che sono fondamentali all’interno dell’organismo. La mozzarella è un’ottima scelta purché consumata nei modi giusti: assumerne più di 150 grammi alla settimana può rappresentare una serie minaccia non solo al sistema cardiovascolare e all’equilibrio dei livelli di colesterolo, ma soprattutto per la linea. Motivo per cui molti esperti di nutrizione ritengono opportuno consigliare il consumo di mozzarelle in quantità di 50 grammi per massimo 2-3 volte alla settimana. Anche perché la mozzarella può abbinarsi alla perfezione sia come “condimento” all’interno di un’insalata o in un secondo oppure come accompagnamento ad un pasto. Negli ultimi tempi non sono certo mancate le disquisizioni in merito alla qualità del latte utilizzato e soprattutto alla provenienza. Ecco perché è meglio scegliere sempre prodotti che siano lavorati con latte prodotto esclusivamente in Italia e che perciò non arrivi in questo paese solamente nell’ultimo step della lavorazione. In questo modo non ci si dovrà più preoccupare di assumere alimenti pericolosi per la salute.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Utilizza il form sottostante per affinare la tua ricerca

Trovi interessante questo articolo? Aiutaci a condividerlo sui social!
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nutrizionista Rossi

Nutrizionista Rossi

Articoli recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento cliccando nel footer delle nostre email. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy policy. Usiamo MailChimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a MailChimp per l’elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di MailChimp qui.